Resolve

Rete di Sorveglianza Epidemiologica del Veneto

BTV4 in VENETO – Piano regionale di monitoraggio straordinario

BTV4 in VENETO – Piano regionale di monitoraggio straordinario

In data 05/09/2016 il Ministero della Salute ha approvato il Piano regionale di monitoraggio straordinario per Bluetongue in regione Veneto. Il piano è stato trasmesso tramite Nota Regionale prot. n. 333867 del 6/09/2016.

In particolare, il Piano prevede:

  • In “AREA INFETTA” (Comuni di: Alano di Piave, Cavaso del Tomba, Pederobba, Segusino e Valdobbiadene):
    • In tutti gli allevamenti di Ovi-caprini (OVICAP): controlli clinici settimanali;
    • In tutti gli allevamenti di Bovini da riproduzione (BRI): prelievo di sangue e siero su un campione di capi stabilito in base alla tabella 1 ivi riportata;
    • Negli allevamenti di Bovini da carne (BCR) che hanno introdotto animali da ZR per BTV4 nel periodo a rischio: prelievo di sangue e siero su un campione di capi stabilito in base alla tabella 1;
    • Posizionamento di 5 trappole entomologiche nel territorio dell’AZ.ULSS n.8.
  • In “AREA A RISCHIO DI ULTERIORE DIFFUSIONE BT” (restante parte delle province di BL e TV; AZ.ULSS n. 3 e AZ.ULSS n. 15):
    • In tutti gli allevamenti di Bovini da riproduzione (BRI): prelievo di latte di massa, ogni 15 giorni e per 3 volte di seguito;
    • SOLO AZ.ULSS N. 15: in aggiunta a quanto sopra, negli allevamenti di bovini da carne (BCR) che hanno introdotto animali da ZR per BTV4 nel periodo a rischio: prelievo di sangue e siero su un campione di animali (stabilito in base alla tabella 1) provenienti da zone indenni da BT, al fine di valutare la possibile diffusione della malattia;
    • Posizionamento di trappole entomologiche nelle aree a maggior rischio di diffusione.

redazione@admin

Articoli correlati

3 pensieri su “BTV4 in VENETO – Piano regionale di monitoraggio straordinario

    1. Per quanto riguarda il prelievo di latte di massa, vanno utilizzati i flaconi forniti dall’IZSVe, che già contengono il conservante.
      I barattoli sono disponibili presso il magazzino dell’IZSVe, secondo usuale procedura utilizzata per i piani di monitoraggio.
      I campioni vanno conservati in frigorifero e non vanno congelati.
      Cordiali saluti,
      La redazione di ReSolVe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *